LA MIA PREPARAZIONE ALLA MEZZA MARATONA ALZHEIMER E LA SFIDA BENEFICA #1EURO1SORPASSO

Preparazione mezza maratona Simone Runner 451

Una calda preparazione estiva per combattere il silenzio

Questa primavera ho iniziato a raccontarvi della mia sfida per aiutare la battaglia contro l’Alzheimer, una malattia che purtroppo coinvolge milioni di persone e di famiglie ed è destinata a crescere nei prossimi 30 anni. Vi ho raccontato di come ho accettato la sfida (qui), della prima parte di preparazione (qui) e vi ho raccontato di come sarà la Maratona Alzheimer, nel weekend del 14 e 15 settembre 2019 (qui) a Cesenatico, perché oltre ad essere un grande impegno solidale è anche una gara bellissima con 3 distanze (mezza, 30 e maratona) organizzata benissimo. Ancora poche righe e vi parlerò di corsa, perché poi è sempre bello parlarne, ma permettetemi di ricordarvi cosa sta facendo Runner 451 per sconfiggere il silenzio e di come potete aiutarmi anche voi.

  • Donando nella mia raccolta benefica (853 Euro donati al 6 settembre) tramite Rete del Dono cliccando qui .
  • Partecipando ad una delle gare o delle camminate, dato che parte della quota dell’iscrizione verrà donata.  Runner 451 hai  organizzato, grazie all’organizzazione della Maratona,  il week end di gare insieme ai runner che si allenano con gli allenamenti personalizzati di Runner 451 Training e/o che hanno partecipato alle Runner 451 Experience, ve ne parlerò bene dopo.

1 Euro 1 Sorpasso

Arriviamo alla sfida vera e propria, grazie alla generosità e disponibilità di Bauerfeind,  partner delle Runner 451 Experience,  il giorno della gara partirò per ultimo nella mezza maratona e Bauerfeind donerà 1 Euro per ogni runner che riuscirò a sorpassare. Una responsabilità in più che mi ha portato ad allenarmi al meglio tutta l’estate, partendo da un infortunio ai tendini avuto ad inizio febbraio e che, grazie anche ai dispositivi di Bauerfeind (in particolare AchilloTrain® Pro e le calze Compression Sock Performance) ho risolto e da maggio ho ricominciato a correre. Bauerfeind che, al di là  del suo impegno solidale e della mia collaborazione, ogni runner dovrebbe conoscere per tutte le soluzioni che offre e per farlo basta entrare in qualsiasi sanitaria italiana, oltre che andando sul sito dell’azienda.

La mia preparazione per la mezza maratona

Sono giunto alla fine della preparazione, oggi (6 settembre 2019) inizia lo scarico, ancora qualche allenamento di rifinitura, ma quello che dovevo fare è stato fatto. Una preparazione in cui non potevo non tenere conto dei problemi avuto ai tendini, in cui i km sono cresciuti progressivamente, in cui nella parte di costruzione mi ha aiutato molto il cross training, con allenamenti in bicicletta e  di nuoto. Una preparazione in cui dopo anni ho ritrovato il mio peso forma (70 kg) dopo che nel 2017 dopo l’operazione al ginocchio e i 10 mesi di stop ne pesavo quasi 10 di più.

allenamento Runner 451 Mezza Maratona

La canotta che mi accompagnerà nella sfida

Ultimo fase del periodo di costruzione

Luglio è stato dedicato all’ultima fase del periodo di costruzione,  in cui ho fatto 3 settimane di carico e una di scarico, per un totale di 145 km, con ancora un’uscita settimana in bici di un paio d’ore a settimana e una o due sedute in piscina da circa 40 vasche di scarico. In questa fase la stragrande maggior parte dei km è stata dedicata al fondo lento e agli allenamenti più lunghi, per costruire la resistenza aerobica e tutti quegli adattamenti per affrontare allenamenti sempre più specifici e la distanza della mezza maratona, inserendo già dei lavori di qualità (uno a settimana) che si dedicassero al miglioramento  della potenza aerobica, anche perché in realtà è stata una fase leggermente ibrida, dato che  eravamo a già due mesi dalla gara.

Più volte mi sono allenato all’ora della gara (le 10 del mattino la partenza della mezza) memore dell’edizione caldissima del 2018. Di questo periodo di allenamento ricordo bene i 10 km corsi il 16 luglio, il giorno prima aveva piovuto e il clima era meno soffocante del solito. Quel giorno ho sentito il click: il click è la sensazione positiva che provi quel giorno in cui senti le gambe andare dopo diverse settimane di fatica, dopo la ripresa da uno stop, in cui hai sofferto anche nelle sedute più facili. Il “giorno del click” quasi fai fatica a trattenerti, non ti fermeresti mai. Da lì ho sentito che ero sulla strada giusta. Non che non ci siano stati momenti imballati o difficoltà, ci sono e ci devono essere, ma il vento ha iniziato a girare a mio favore.

Prima fase della preparazione specifica

Agosto, ricordo ancora che a maggio diversi siti meteo scrivevano che sarebbe stato un mese poco caldo e con tante piogge. Certo, come no. Però <<la realtà è come è e non come vorremo che fosse>> (cit. Velasco). Un mesociclo di 3 settimane, con due microcicli di carico e uno di scarico, che coincideva con la settimana di ferie in Sardegna, uno scarico diverso, ma molto utile. In questa fase ho corso 120 km, un lungo di  18 km, ritmi dei fondi lenti più allegri , qualche fondo medio, lavori di qualità più lunghi con ripetute sul km e sui 2 km, per migliorare sia la potenza aerobica che la capacità aerobica, riducendo i recuperi e correndoli sempre ad un ritmo maggiore.

Lo scarico ha visto 5 uscite brevi quasi tutte “off road” approfittando dei percorsi sul mare e nelle pinete sarde. Uno scarico meno tradizionale, ma molto mentale, in cui l’andatura facile, i dolci sali scendi, l’abbandono dell’asfalto e soprattutto i panorami unici mi hanno rigenerato e permesso di ridurre i volumi (oltre che di correre con altissime temperature) e di fare un piccolo richiamo di forza. In quella settimana ho inserito un lavoro breve per dare un po’ di brillantezza, visto i ritmi lenti, un interval training 12*300 metri davvero divertente.

allenamenti corsa sardegna

Corse nei paesaggi sardi

Seconda fase della preparazione specifica per la mezza maratona e il periodo gara

Entriamo nella fase specifica più calda, in tutti i sensi. 150 km in 3 settimane (20 saranno nei prossimi 3 giorni). In questa fase due lunghi da 19 km (21 agosto e 3 settembre), lavori di qualità sempre più specifici e qualche gara (non competitiva) per mettere del ritmo alle gambe. Gareggiare troppo non fa bene, ma non gareggiare mai non ti aiuta a vivere quelle sensazioni, a sfidarti e sfidare, a provarti anche a ritmi più impegnativi,  che inevitabilmente da soli è più difficile fare. In particolare 2 gare brevi, poi una 10 km e una  13 km. Così possiamo dire che termina il periodo specifico ed inizia il periodo dedicato alle gare.

L’allenamento più impegnativo che ho fatto in questa fase e anche più soddisfacente è stato l’ultimo del carico, quello di giovedì 5 settembre (per fortuna con più fresco dei giorni precedenti): dopo una fase di riscaldamento, una serie da 4 ripetute di 2 km corsi a ritmo gara della 10 km con recupero 400 metri corsi al ritmo del fondo medio ed un ultimo km “sprint” dando tutto come se fosse l’ultimo km di gara.

L’ultima settimana farò meno km, poco meno di 30 (esclusa la gara), una gara brevissima martedì sera sempre per la brillantezza e l’importante allenamento pre-gara con gli altri runner sabato mattina 14 settembre. Non raggiungerò il massimo della condizione per questa gara, quella arriverà da metà ottobre, però, considerando il punto di partenza e l’attenzione da porre ai tendini, sono soddisfatto, anche se poi si vedrà domenica 15 settembre come sarà andata veramente.

3 lunghi per la mezza maratona

I 3 lunghi allenamenti e ultimo allenamento qualitativo…perdonate i selfie, ma nessuno mi corre dietro per fotografarmi. Ah sì per i lunghi ho una canotta preferita…

La strategia per #1Euro1Sorpasso

La gara potrebbe essere calda. Più passeranno i km più le persone da sorpassare saranno meno e distanziate, chi corre sotto a miei ritmi dovrei riuscire a prenderlo, se prima o dopo cambia poco. Il tipo di sfida impone una cosa importante: non rischiare di scoppiare. Per questo bisognerà valutare intanto la temperatura e il ritmo da tenere all’inizio. Non farsi prendere dalla fretta, impostare un ritmo costante, un buon ritmo certo, ma non alla morte. Sorpassare senza cambiare di ritmo, prendere l’onda verde. Gestirsi non saltando rifornimenti, fino ad almeno al 16° km, quando la mezza maratona entrerà dentro Cesenatico e quando chi magari è partito troppo forte (soprattutto se farà caldo come potrebbe essere) potrebbe dover rallentare. Ecco non avere fretta sapendo che i sorpassi si possono fare anche fino all’ultimo metro e che magari 40 secondi (2 secondi a km) sul tempo finale potrebbero non fare la differenza per la sfida in atto, ma potrebbero invece farmi saltare. Con me correranno due amici (che alleno), iscritti anche loro ovviamente alla mezza, mi scorteranno e li ringrazio già, Biccio e Alessandro, per la loro generosità e per aiutarmi nella sfida (e ricordate di farmi passare prima del traguardo 🙂 ). Ah sì, ovviamente nella strategia c’è anche la speranza che qualche runner mi aspetti e si faccia sorpassare! A parte gli scherzi essere presenti è già contribuire alla causa, la gara deve sempre essere una gara, se vi prendo bene, altrimenti ci daremo il cinque all’arrivo!

I miei partner per la sfida

Vi ho già raccontato della generosità di Bauerfeind. Non vi ho detto di come non separo mai dal Genupoint di Bauerfeind, da quando ho avuto conseguenze non positive da un’operazione al ginocchio. Grande aiuto anche dalle Compression Sock Performance, che io uso tanto anche nei post allenamenti per velocizzare il recupero.

Altri due amici sono “scesi” in campo. Brooks mi ha fornito le scarpe per la gara le Levitate 2, con cui feci anche la Maratona di Firenze. Per chi la corsa è felicità è stato naturale aiutarmi in questo senso. Ho usato le Levitate 2 negli allenamenti più veloci e nelle gare, le ho rodate facendo 160 km, così sono ancora super cariche, ma plasmate al massimo sul mio piede. Per gli altri allenamenti ho usato le Brooks Adrenaline GTS 19, non ho problemi di appoggio di pronazione e questo ne dimostra la versatilità del modello di scarpe da running, grazie al GuideRails 2.0, che ho apprezzato tanto.

MTBNESS partner delle Runner 451 Experience, azienda di integratori di Cesena, con i suoi integratori ho davvero sempre recuperato. TENBOTA! durante le ripetute (lasciavo una borraccia pronta a fine giro), AISAM! alla fine di ogni allenamento, i DONCA! prima e durante i lunghi, i RAZZ! prima dei lunghi e La PORBIA! dopo gli allenamenti più lunghi e gli allenamenti qualitativi.

amici di runner 451 per mezza maratona

Runner 451 la battaglia contro il silenzio ha bisogno di voi

Avete letto come mi sono preparato, se volete aiutarmi oltre a tifare la sfida, potete aiutarmi anche così:

Donando tramite Rete del Dono

Un modo per aiutarmi nella battaglia nello sconfiggere il silenzio è donare direttamente, con la garanzia della piattaforma Rete del Dono. Traguardo della raccolta è di 1.000 Euro e oggi, 6 settembre, siamo a 853 Euro, vicini, ma il traguardo non è mai un metro prima dell’arrivo, basta anche un solo euro di ogni lettore di questo post per raggiugnerlo. Clicca qui se vuoi aiutarmi donando .

Partecipando alla gara contribuisci alla causa

Parte dell’iscrizione viene devoluta alla causa (anno scorso sono stati raccolti e donati 50.000 Euro) e per questo ho proposto ai runner che si allenano con Runner 451 Training e/o che sono stati presenti alle Runner 451 Experience di partecipare alla gara con me. La risposta è stata importante, bellissima, commovente. Runner da tutta Italia hanno risposto presente: saremo 30 runner insieme in hotel per il week end più un’altra ventina di runner, del territorio, ci raggiungeranno la domenica, per affrontare una delle tre distanze o una delle passeggiate non competitive. Che cuore grande! Senza poi contare chi si è iscritto seguendo i racconti della preparazione sui canali di Runner 451. Un weekend insieme per questi runner che avranno la possibilità di fare insieme a me l’allenamento pre gara sabato mattina e il meeting per la strategia di gara il sabato pomeriggio, divertendoci, ma curando tutti i dettagli!

Vi aspetto tutti il 15 settembre

I dati di fine agosto dicono che gli iscritti alle competitive crescono del 25%, con una crescita impressionante nelle Mezza Maratona (e molti dei Runner che vengono con Runner 451 corrono proprio la 21,097). Però c’è ancora spazio! Fino al 11 settembre potete iscrivervi ad una delle gare oppure ci sono le camminate e le non competitive, se volete fare un allenamento in compagnia ed aiutare la battaglia contro il silenzio.

Grazie mille a chi mi ha sostenuto in questi mesi e a te che hai letto fino a qui!

Simone

Runner 451

#R451controilsilenzio #Runner451 #Runnerconsapevoliefelici