1 EURO 1 SORPASSO! LA MIA PREPARAZIONE ALLA SFIDA BENEFICA – PRIMA FASE

Sfida Maratona Alzheimer

1 Sorpasso 1 Euro, la mia sfida benefica alla Maratona Alzheimer

Una sfida benefica, divertente, che aggiunge motivazioni (non che ce ne fosse bisogno) alla preparazione della bellissima Mezza Maratona Alzheimer del 15 settembre 2019, giorno in cui si potrà correre anche la 30 km e la Maratona.

Vi avevo iniziato a parlare della sfida qui, dove vi avevo raccontato anche di tutto ciò che significa Maratona Alzheimer, una corsa oltre la corsa, nel 2018 raccolti 50.000 Euro per l’assistenza ai malati di Alzheimer e per la ricerca, con l’obiettivo di fare molto di più nel 2019.

Runner 451 è sceso in campo in questa sfida benefica, con tante attività. La più divertente e curiosa è quello per cui mi sto allenando ogni giorno: il giorno della gara, correrò la Mezza Maratona e partirò per ultimo. Grazie alla generosità di Bauerfeind, partner delle Runner 451 Experience, per ogni runner che riuscirò a sorpassare prima del traguardo, verrà donato 1 euro. Sperando di sorpassarne, ma sto lavorando per questo.

La mia preparazione per la mezza maratona Alzheimer

La preparazione ha visto una prima fase di ripresa. Dopo l’infortunio del 10 febbraio, dove un’infiammazione per il morbo di Haglund, che mi tiene compagnia da 20 anni, non è stata più sostenibile e mi ha fermato, ho ripreso a correre a fine aprile con la Runner 451 Experience del ponte del 25 aprile. Fortunatamente nei quasi 3 mesi di stop non sono stato fermo: nuoto, bicicletta e allenamento del core mi hanno aiutato a conservare un po’ di motore aerobico, anche se non sono attività sostitutive della corsa e alla ripresa me ne sono accorto, caspita se me ne sono accorto.

Nel riprendere a correre non ho abbandonato il cross training, quindi nuoto e bicicletta, perché dovendo approcciare la corsa gradualmente, ho trovato utile integrare gli allenamenti di running per l’aumento della forza e la crescita della resistenza aerobica.

Per il primo mese mi sono allenato 5 o 6 volte a settimana con 3 uscite di corsa, due di bicicletta e uno di nuoto. Nella seconda parte sono passato a 4 di corsa, 1 o 2 di nuoto e 1 di bicicletta. La prima fase terminerà questa settimana (oggi è 3 luglio 2019) con la Runner 451 Summer Race la bellissima gara di 12 km che si terrà a Bagno di Romagna il 7 luglio 2019.

Nelle prossime 3 settimane  mi concentrerò ancora su una fase di preparazione generale e potenziamento: fondi lenti e lunghi collinari, ripetute in salita brevi, qualche uscita brillante in piano e allenamenti lenti in piano, con qualche allenamento di fondo medio, per poi, dal 29 luglio, entrare nella fase specifica. In queste prossime 3 settimane sarà importante anche alzare il volume dei km, oggi ancora molto basso ( da metà maggio poco più di 200 km), ma perché per il mio piede non potevo assolutamente forzare.

In questo periodo di ripresa sono riuscito a migliorare l’andatura alla soglia anaerobica (stimata da test) da 5’05” min/km a 4’42” min/km, c’è ancora molto da fare però sulla resistenza aerobica e sulla capacità aerobica, oppure sul convincere gli altri runner a farmi passare durante la gara 🙂 .

Mancano 2 mesi, sembrano tanti, ma sono pochissimi, ma sono fiducioso, anche perché non sarò da solo.

La spedizione dei Runner 451 alla Maratona Alzheimer

Vi avevo detto che non era l’unica attività benefica. Con il supporto dell’organizzazione della Maratona abbiamo organizzato un week end per tutti i runner che alleno e/o che hanno partecipato alle Runner 451 Experience. Saremo tutti insieme in hotel a Cesenatico, per fare il giorno primo l’allenamento pre gara e il briefing strategico, ma soprattutto per divertirci.

Parte dell’importo che si spende per il pettorale (che ha un prezzo molto più conveniente di altre Maratone) viene versato in beneficienza. Ad oggi (inizio luglio) tra runner che verranno da tutta Italia e quelli che risiedono nei pressi della gara, legati a Runner 451, abbiamo superato i 40 pettorali! E’ proprio vero che chi corre ha il cuore grande! Gente da ogni regione, dalla puglia, basilicata, lazio, toscana, lombardia, emilia romagna, marche, trentino, piemonte ecc…

Inoltre alcuni dei runner che alleno e che corrono più veloce di me si sono resi disponibili come lepri. Vediamo se riesco a stargli dietro…

Fare del bene a chi non sta bene come noi che corriamo, un ulteriore motivo per decidere di partecipare alla Maratona Alzheimer. Se vuoi saperne di più leggi il mio articolo in cui ti racconto la gara e tutta l’organizzazione cliccando qui.

Ma prima finisci di leggere questo articolo, c’è ancora una cosa importante!

La raccolta benefica non finisce qui

No non finisce qui. Anche se posso avere grande fiducia sulle mie dote da runner consumato (vabbè ci provo dai) è meglio avere un piano B. Il piano B è attivo da febbraio ed è la raccolta fondi, il cui 100% va direttamente, tramite retedeldono, all’assistenza dei malati di Alzheimer e alla ricerca. Da febbraio ad inizio luglio sono stati raccolti 650,00 Euro grazie a 22 donatori. Se vuoi aiutarmi anche tu in questa sfida vai al link che trovi qui sotto e dona direttamente. Puoi farlo in modo anonimo o firmandoti, puoi donare la cifra che vuoi. La raccolta terminerà il 22 settembre, una settimana dopo la gara, per dare tempo anche nei giorni successivi a chi ancora non ha saputo dell’iniziativa.

Dona anche tu per sconfiggere l’Alzheimer

#R451controilsilenzio

Vedrai spesso questo hashtag, su Instagram dove mi puoi seguire e dove posto tutti gli allenamenti, ma anche su Facebook. Se gareggerai anche tu il 15 settembre alla Maratona Alzheimer, usa pure #R451controilsilenzio per tutti i tuoi post di allenamento e il giorno della gara, più alziamo la voce contro il silenzio, più facciamo rumore, più vinciamo questa sfida!

Ci aggiorniamo alla prossima fase della preparazione

Simone

Runner 451