MASSIMO E LA SUA OTTIMA ANNATA: PB DA 10 ALLA 100 PASSANDO DA MEZZA E MARATONA CON RUNNER 451 TRAINING

allenamenti personalizzati

Massimo un runner che fa volare

Quando Massimo mi ha contattato per gli allenamenti personalizzati, erano i primissimi di gennaio del 2018 e il suo messaggio recitava, in modo sintetico e diretto: “è mia intenzione partecipare alla 100 km del Passatore (26/27 Maggio 2018), ho già cominciato a seguire una cartella trovata sul Web, il mio primo obiettivo è portarla a termine, il secondo obiettivo è di concluderla sotto le 12 ore (il sogno sarebbero le 10 ore), ma , torno a ripetere il primo obiettivo è concluderla in modo decente. Grazie mille”
 
Chiaramente non avevo abbastanza info per dargli un riscontro sulla fattibilità (cosa che approfondisco con questionario e test), anche se immaginavo fosse l’esordio sulla 100 km dalle parole usate ed è buon senso dire ad una persona: la tua prima 100 km pensiamo a finirla. Però Massimo è un sognatore, ma un sognatore che dà seguito ai sogni con i fatti e mi è bastato poco per capirlo. Un Runner capace di seguire i ritmi in modo costante, preciso, un gran “lavoratore” che non perde mai la componente del divertimento. Sono state sufficienti poche settimane per capire che mi avrebbe dato grandi soddisfazioni.
In fondo all’articolo troverete i primati che ha segnato Massimo quest’anno, dalla 10 km fino alla 100. Cosa non semplice, perché sappiamo bene quanto sia importante focalizzarsi su una distanza, il lavoro fatto sulla resistenza, la capacità aerobica ha però portato ottimi risultati anche sulle distanze più brevi come la 10 km e la mezza maratona.
Ora però lascio la parola a Massimo, il suo racconto, le sue emozioni. Lasciatemi dire che quel 26 maggio, nella 100 km, le 10 ore le ha prese, la foto qui sopra all’inizio dell’articolo parla da sola.

Massimo la mia “ottima annata”

In questo periodo (inverno 2017/2018), circa un anno fa prendevo i primi contatti con Runner 451 alias Simone, o viceversa, come vi va meglio pensare. Avevo bisogno di un allenatore per un’impresa che si dimostrava più ardua del previsto, che all’inizio volevo affrontare da solo, con le tabelle che si scaricano qua e là nel web. Venivo da un 2017” nero” sia nella vita che nella corsa, e quell’impresa era diventata il punto di ripartenza.
“Chi corre non perde tempo, lo guadagna. Chi corre guarda avanti, ti aiuto a farlo nel migliore dei modi” (cit. Runner 451 training)
Subito si è creata quella sinergia con Simone ”Runner 451”, trovando la persona giusta al momento giusto e visto il 2018 com’è andato, mai connubio migliore poteva esserci.
Il 18 gennaio ore 18.55 cominciava la collaborazione e da quel momento ho, abbiamo macinato, oltre 3.000 km, abbattendo personal best e passando oltre all’infortunio del 18 marzo (lì è stato il capolavoro mentale, la perla, di Runner 451 che ha fatto ripartire la persona delusa, l’atleta demoralizzato).
Ad oggi abbiamo ritoccato e fissati i nuovi personal best( abbiamo perché merito anche di Simone di Runner 451):
tempi massimo pezzolo
Nell’ambito personale, Runner 451 mi ha dato quel tocco di prendere la corsa con impegno usando la testa e divertendosi, che non guasta proprio!
Perché Runner 451 e non altri?
Per prima cosa si riscontra la cortesia di Simone, all’ insegna del rapporto umano e l’attenzione di porre a proprio agio l’atleta, imparando a conoscerlo e gestirlo.
La sua presenza quotidiana anche se a 200 km di distanza.
Lo spirito di condivisione è presto evidente: sia tra Atleta e Allenatore, sia tra gli Atleti seguiti da Runner 451, tra allenamenti e stage di corsa.
Fin qui tutto bene, con fatica, impegno e voglia di fare, questo 2018, è stata una grande annata…grazie ancora Runner 451
Il prossimo anno, insieme proveremo a fare nuovi personal best, poi a fine anno ve li racconterò!
Buon Anno a Tutti!