buzzoole code buzzoole code

DEEJAY TEN UN SUCCESSO CHE FA STORIA

Sono passati più di 10 anni da quando la passione di Linus della corsa ha dato vita alla Deejay Ten. Oggi si tengono 4 edizioni, che coprono più o meno tutta la nostra penisola e questa domenica si terrà l'edizione madre, quella di Milano.
Credo che non si sbagli a dire che è la manifestazione podistica più partecipata di Italia, anche se è giusto sottolineare come correre una 10 km (e la 5 per i neofiti) sia meno impegnativo che correre una Maratona e questo aiuta certo ad avere un più alto numero dei partecipanti.

Ciò non toglie però il merito a Linus e alla combriccola di Deejay, sia per la festa della corsa che ha inventato, sia soprattutto per la crescita del running in Italia. Uno sport che prima degi anni 2000 era di nicchia, jogger compresi, quando per correre in pantaloncini per una città serviva non essere timidi, perchè si era guardati in modo sospetto. Oggi Linus, che torna a correre la Deejay Ten dopo anni, ha diviso il suo amore sportivo con la bicicletta, ma non è riuscito a trasferire la stessa passione agli ascoltatori. Forse la bicicletta, uno degli sport nazionali italiani, non ne aveva bisogno e soprattutto l'economicità e la versatilità della corsa non è replicabile dalle due ruote.

Domenica quindi ci sarà la festa del running a Milano, 35.000 partecipanti. Viene un po' di rabbia, al di là del fatto che una Maratona sia più impegnativa, su come non siamo capaci di esprimere in Italia una Maratona altrettanto partecipata. Le grandi città americane, Londra, Parigi, Berlino, ci riescono e grazie ad un grande contributo di partecipazione di runner italiani, noi no. Molti sono felici di questo ed è qui il primo problema. Avere un weekend una città bloccata, dover lavorare di più, troppo pesante per molti. Meglio lamentarsi che fare. Sarebbe così facile coniugare turismo e maratona in Italia, pacchetti invitanti, con organizzazioni impeccabili.
Ci arriveremo? Forse sì. Intanto grazie Deejay Ten, oramai sei nella storia del running italiano, ho segnato nell'agenda ottobre 2035, per venire a correre il trentennale.
Simone
Runner 451